Gli uomini

Sono giunti a ondate successive da Riva Lontana, l’immenso continente situato a ovest, al di là del mare. La parentela fra le lingue – che provengono chiaramente da un’unica matrice - sembra indicare una radice comune, ma un lungo e profondo processo di differenziazione ha reso le varie comunità umane enormemente diverse fra loro. Hanno una vita media molto più breve di quella delle razze antiche, ma la maggiore capacità procreativa e la grande vitalità rendono gli uomini una razza in espansione.

 

Clan della brughiera

Cacciatori di ungal e cervi shokunai, allevatori di cavalli e capre, vivono in villaggi fortificati sparsi nell’immensa distesa verde. La scarsa differenziazione sessuale consente anche a molte donne di divenire esperte nell’uso delle armi.

 

Liberi minatori di Arvenor

Si tratta di un aggregato di centri abitati governati da comunità di villaggio e dediti soprattutto all’attività mineraria. Sono gente semplice e pacifica, ma molto gelosa della propria indipendenza.

 

Regno del Daeren

È fondato su una profonda disuguaglianza sociale, con al vertice una ristretta casta di grandi proprietari che per coltivare le loro piantagioni utilizzano masse di schiavi. La capitale, Er-syn-‘na, è la più grande e più antica città umana della Terra di Ruhel. Gli abitanti del Daeren adorano soprattutto Nur, un dio fortemente radicato anche a Tolemon e Odelia.

 

Rettorato di Maris

Nel rettorato di Maris si è sviluppata una società maschilista e ben organizzata per la guerra. La governa un consiglio di cinque reggenti che ha sede in una rozza fortezza chiamata Bastione.

 

Nomadi delle steppe

Di pelle bronzea, con folte chiome arruffate, vivono in orde che si spostano attraverso la steppa, compiendo razzie ai danni delle altre tribù, di Onoth e della Colonia Waazai. La loro arma caratteristica è l’ascia di pietra, che usano in mischia e sanno anche lanciare con grande precisione.

 

Principato di Odelia

Meno densamente popolato del Daeren, rispetto al regno di Er-syn-‘na denota una maggiore diffusione della piccola proprietà e un’economia più moderna. La sua storia alterna momenti di indipendenza a momenti in cui il Daeren gli ha imposto il pagamento di un tributo.

 

Città-stato di Onoth

Trae vantaggio dalla posizione strategica, che la rende importante snodo commerciale.

 

Quattro città della gilda

Governato da un’oligarchia mercantile, si tratta di uno stato caratterizzato da un’economia fiorente e vitale, che coniuga agricoltura, artigianato e commercio. È, per al sua collocazione geografica, l’insediamento umano che ha mantenuto maggiori collegamenti con Riva lontana.

 

Shibas

Popolo semibarbarico dell’estremo nord-est, vanta grandi tradizioni guerriere. I guerrieri shibas, le cui armi caratteristiche sono l’unuf e l’arco, vengono spesso utilizzati come mercenari, soprattutto nell’ambito delle Quattro città della gilda.

 

Citta-stato di Tolemon

Grande centro urbano, la cui prosperità si deve in buona parte al commercio. Molto diffusa è la tratta degli schiavi, venduti nel Daeren e, in misura minore, a Odelia.

 

Colonia Waazai

All’inizio era una base fortificata sorta alla foce dell’Isenek per iniziativa delle Quattro città della gilda. In seguito l’insediamento si è reso autonomo, estendendo progressivamente il suo controllo nell’entroterra.

FOLLOW ME

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube

© 2014 by Max Giorgini